Correnti Magnetiche 1985 - 1996

CORRENTI MAGNETICHE è stato un autore collettivo, il risultato di una
interazione tra artisti e professionisti di varia provenienza con il comune
interesse per la comunicazione con le nuove tecnologie elettroniche.

L'idea di CORRENTI MAGNETICHE nasce nel 1985 a Milano da un incontro tra il musicista Riccardo Sinigaglia e il pittore Mario Canali, a cui presto si uniscono Flavia Alman per la progettazione e le immagini, Sabine Reiff per
la programmazione e Tommaso Leddi per la  musica  elettronica.

Le prime opere prodotte sono "composizioni" audiovisive bi e tridimensionali con una particolare attenzione per il  rapporto tra musica e immagini e concerti di live-elettronica.

Ben presto CORRENTI MAGNETICHE viene invitato alle maggiori manifestazioni nazionali e internazionali di arte elettronica, ricevendo premi e riconoscimenti negli Stati Uniti (West End Contest, At&T Contest), e in Europa: Austria (Prix Ars Electronica di Linz), Germania (Europen Media Art Festival), Belgio (DigitArt), Ungheria (Premio Digitart), Svizzera (premio
World Graph al Video Art festival di Locarno), Francia (Imagina di Montecarlo), Italia (Triennale di Milano, Palazzo Fortuny di Venezia,
antologica alla Galleria d'arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Premio
Immagine e Film Maker di Milano, Premio Immagine Elettronica di Ferrara,
Gabbiano d’ Argento di Bellaria, Nastro d’Argento di Roma).
Le opere di CORRENTI MAGNETICHE vengono trasmesse dalle principali reti televisive pubbliche e private in Italia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Norvegia, Svizzera, Polonia, Ungheria.

Nel 1992 Flavia Alman e Sabine Reiff realizzano l’opera interattiva TELESPECCHIO, orientando CORRENTI MAGNETICHE verso una ricerca nel campo delle nuove tecnologie che rendono possibile la piena interattività con il
pubblico e la generazione di immagini elettroniche in tempo reale.

Nel 1993 Mario Canali e l’informatico Marcello Campione, con la consulenza di Stefano Roveda, realizzano la stazione di realtà virtuale SATORI.

Nel 1994 Stefano Roveda e Flavia Alman, creano il personaggio digitale interattivo EUCLIDE, animato da Giacomo Verde.

Flavia Alman e Sabine Reiff continuano la loro ricerca su identità e interattività realizzando nel 1994 l’installazione IDENTIMIX, nel 1995
ANAMORFIC GENERATOR e nel 1996 la trilogia di installazioni AUDIO-RITRATTO (IL COLORE DELLA VOCE- IL PESO DELLE PAROLE-APPARENZE).

Mario Canali, con Marcello Campione, l’ebanista Leonardo Aurelio e lo psicologo Elio Massironi, realizza nel 1995 l’installazione ORACOLO-Ulisse, sono invece del 1996 l’installazione di suono olofonico POLIOLOFONIA e l’opera immersiva INSIDE.

La mostra antologica presso la Rocca Paolina di Perugia nel 1996 conclude il percorso di CORRENTI MAGNETICHE.